DA SESTRIERE AL COLLE BASSET… TIFO DA STADIO DEL JR FANS CLUB



Sabato 30 giugno 2018

IL GIORNO PRIMA DELLA GARA

Il JR Fans club arriva a Sestriere nella tarda mattinata, giusto il tempo di sistemare le valigie al Villaggio Olimpico (Hotel in cui alloggia anche il nostro campione, Juri Ragnoli, con tutto lo Scott Racing team) per poi andare a montare il gazebo in zona stand.


L’organizzatore della gara, Alessandro Capella, accoglie il JR fans Club a braccia aperte assegnandogli un’ottima posizione per il gazebo🔝👍, proprio in mezzo agli stand dei top team presenti a questo campionato italiano Marathon 2018.


A pranzo, il ristorante dell’hotel, ha riservato un tavolo al JR Fans club proprio accanto al tavolo di Juri e del suo team: questo ha permesso di scambiarsi qualche battuta in pieno relax🙆‍ prima di entrare nel vivo del pre- gara.

Nel tardo pomeriggio il nostro campione è presente sotto al gazebo del JR Fans club per fare foto📷, firmare autografi🖋, scambiare due parole con i fans che si domandano: sarà in forma Juri domani? riuscirà a conquistare la maglia tricolore🇮🇹 per il terzo anno consecutivo?


La sera, al villaggio olimpico, c’è un gran fermento di corridori accompagnati dai propri team; sulle tavole sfilano riso in bianco🍚, pasta scondita e petto di pollo🍗 con patate: la classica cena pre gara dei corridori.

Anche il JR fans club, a cena, deve fare il pieno di energie🍕🍦💪: un campionato italiano si merita un super tifo e a pancia piena, si sa, si tifa meglio!

Domenica 1 luglio 2018

IL PREGARA

È un giorno speciale per il nostro campione Juri Ragnoli, ma anche per me è un giorno speciale: oggi è il nostro primo anniversario di matrimonio🧡.

Non potrei desiderare modo migliore di festeggiare se non stando accanto a Juri nel giorno in cui tenterà nuovamente di conquistare la maglia tricolore 🇮🇹.

La mattina della gara, sotto al gazebo del JR fans club, c’è un certo fermento… l’entusiasmo è misto ad agitazione per quella che si prospetta una giornata decisiva per l’immediato futuro della maglia tricolore🚴‍🇮🇹…


Il Fans club è già operativo: le macchine sono pronte per seguire la gara🚙, le trombe sono a portata di fiato per risuonare nel vento📣, le corde vocali sono calde per tifare a gran voce JURI RAGNOLI!!

Natale Reboldi (El Nonnino) è armato come sempre di macchina fotografica📷 e telecamera per registrare ogni istante di questa giornata, Alberto Bellotti è pronto per urlare📣 al popolo di bikers e tifosi il nostro motto “ESISTE SOLO UNO JURI, ED È… RAGNOLI!!”.


Marco Bertasi sventola la bandiera del JR Fans club come se non ci fosse un domani🇮🇹 e la new entry del Fans club, Marzia (è la ragazza in secondo piano con il fischietto arancio in bocca e le braccia alzate verso il cielo), alla sua prima trasferta con il nostro gruppo è già perfettamente entrata nella parte del JR tifoso TOP💃.

In primo piano sulla sinistra potete vedere anche la nostra giovanissima mascotte Angela (la figlia del nostro presidente Alessio), anche lei armata di tromba🎷 pronta per supportare il nostro campione verso un altro grande obiettivo di stagione.


La partenza della gara è prevista per le 8.30 del mattino, il sole è già caldo🌞, il cielo è limpido: non c’è neanche una nuvola, i presupposti sono buoni vista l’alta quota.

Questa mattina, per la strada e fra gli stand, si respira un clima particolare perché l’Assietta Legend quest’anno non è una gara qualsiasi bensì sarà la gara che assegnerà la maglia di campione italiano mtb Marathon 2018 🇮🇹.

Io seguirò la gara con lo Scott Racing team in quanto Juri, anche questa volta, mi ha affidato l’importante compito di passargli una borraccia🍼 e dei gel in corso di gara, mentre tra un rifornimento e l’altro mi occuperò di aggiornare la pagina Facebook del JR Fans club.

RIFLESSIONI PREGARA 🤔

Visti gli “sfortunati” imprevisti delle gare precedenti, imprevisti che hanno contribuito in più occasioni a far sfumare per Juri la possibilità di salire sul podio, mi aspettavo di sentirmi più agitata il giorno del campionato italiano Marathon.

Invece, dentro di me, aleggiava una certa serenità⛅: è come se in cuor mio avessi finalmente “accettato” l’imprevisto come parte del “gioco” cosa che ad inizio stagione, devo ammettere, non sono riuscita a fare.

Dopo i successi🏆, le vittorie, i podi ottenuti da Juri Ragnoli nella SPETTACOLARE stagione 2017 credo sia venuto naturale ai suoi fans (me compresa) iniziare la nuova stagione aspettandosi di assistere ed applaudire ad altrettanti successi🚴‍🏅.

Ecco perché ogni foratura, ogni rottura di catena, ogni borraccia🍼 persa, è stata interpretata da me come una fastidiosa seccatura, un imprevisto di troppo che andava a rovinare il “quadro” di successo che avevo dipinto nella mia testa: Juri Ragnoli è un campione, perché devono capitare questi imprevisti a “rovinare” le vittorie che lui ha già conquistato e che tutt’ora si merita? 😭

E credo, potrei sbagliarmi, che anche buona parte dei fans che seguono Juri in questi mesi, dall’inizio della stagione, abbia pensato la stessa cosa!! 🤔😔

Ebbene dopo l’ennesima Delusione alla Sellaronda Hero🌩 dentro di me è scattato “qualcosa” …🆕

… è come se questa serie di imprevisti e delusioni mi abbiano permesso di acquisire la consapevolezza che stavo interpretando questi episodi nel modo sbagliato: li vedevo come intralci ad una stagione perfetta, la stagione che speravo Juri riuscisse a replicare anche quest’anno.

Nei giorni che hanno preceduto il campionato italiano a Sestriere sono finalmente riuscita a “lasciar andare” il ricordo della stagione 2017 archiviandola nella memoria come stagione unica e strabiliante🔚per aprire un nuovo capitolo, la stagione 2018😉.

Ho smesso di fare paragoni con la stagione passata ed ho accettato l’imprevisto come parte della gara: questa semplice consapevolezza mi ha dato una grande serenità🌈☀.

Ho sempre pensato che ogni evento ha un senso, magari incomprensibile sul momento presente, ma è importante credere che, prima o poi, anche le apparenti “sfortune” 🌧 acquisteranno significato come parte di un progetto più ampio.

A volte, per raggiungere GRANDI OBIETTIVI, sono necessarie quella serenità e quella consapevolezza che si possono acquisire soltanto quando ci si spoglia di ogni paura, paura di perdere e paura di vincere, paura di sbagliare, paura dell’imprevisto… ed è soltanto vivendo in prima persona queste paure, attraversandole, che si riesce a lasciarsele alle spalle👋.

LA GARA

Il primo punto di rifornimento è a PRAGELATO, a circa 27 km di gara.

Io sono pronta in postazione: con la borraccia🍼 ben salda in mano mi sporgo oltre gli altri team per vedere quando sbucherà Juri; non avendo indosso il tricolore devo aguzzare la vista per vederlo arrivare.

Ecco Juri transitare nel gruppetto dei primi🚴‍🚴‍: lo sguardo è determinato, è in forma e sta bene, si vede! Passandomi davanti alza il pollice👍 e mi dice “Tutto ok!

Tiro un sospiro di sollievo al suo passaggio: conosco quello sguardo, è lo sguardo delle sue gare migliori, lo sguardo di chi è consapevole di essere in forma💪😉.


Il secondo punto di rifornimento è a Pian dell’Alpe, a circa 47 km di gara: Juri transita ancora con il gruppetto dei primi🚴‍🚴‍… e che primi! Ci sono i migliori a fargli compagnia, gli avversari sono tosti e la gara è ancora lunga.

Mentre raggiungiamo in macchina🚙 il terzo punto di rifornimento, al Colle Basset, ci viene comunicato che in testa alla corsa sono rimasti in 3: Juri Ragnoli, Samuele Porro e Tony Longo.

Dal Colle Basset li vediamo avvicinarsi e quando transitano davanti a noi, Juri Ragnoli e Samuele Porro sono rimasti soli, Tony è indietro ad 1 minuto e mezzo.

La sfida delle sfide! 🙏

Non è certo la prima volta che assisto ad un testa a testa fra Juri Ragnoli e Samuele Porro!

Questi due campioni da qualche anno, al campionato italiano, si contendono la maglia tricolore finendo puntualmente entrambi sui gradini più alti del podio: la gara si fa sempre più avvincente! 🤙


A questo punto mi auguro soltanto che questi due campioni abbiano la possibilità di giocarsela fino in fondo, senza intoppi o imprevisti… e fortunatamente sarà così!☺

Nel viaggio di ritorno verso Sestriere🚙 ci viene comunicato al telefono che Samuele Porro ha staccato Juri sull’ultima salita. 😪

Al traguardo c’è tutto il JR fans club armato di bandiere🇮🇹 che attende Juri Ragnoli sperando di gioire con lui la conquista della maglia tricolore🙏…

… ma a transitare per primo sotto al traguardo è Samuele Porro! ☹☺

Solo 1 minuto e 30 secondi dopo vediamo arrivare il nostro campione che, passando sotto al traguardo, accarezza le mani del pubblico di Sestriere che lo applaude👏 calorosamente al suo arrivo.


Samuele Porro è il nuovo campione italiano Marathon 2018. 🇮🇹

Peccato per la mancata vittoria di Juri😔, tuttavia sono contenta perché il nostro campione ha gestito la gara al meglio☺ e, soprattutto, non si sono verificati imprevisti (come invece accaduto nelle precedenti gare).


In tanti, dopo la gara, hanno gridato alla “sfortuna” 🌩 per l’ennesima mancata vittoria… be’ da parte mia non condivido questo pensiero: non c’è stata sfortuna stavolta, solo un corridore più in forma del nostro campione.

Juri è sereno e soddisfatto per la gara che ha gestito, come ha dichiarato nell’intervista post gara, unico dispiacere è non essere riuscito a riconfermarsi campione italiano anche per il 2018 ma di fronte al motore di Samuele Porro, oggi, c’era poco altro da fare👏.


Da questo campionato italiano torniamo a casa con la consapevolezza che Samuele Porro si è meritato, oggi, la maglia tricolore🇮🇹 e soprattutto con la consapevolezza che le gare non sono nient’affatto finite, anzi…

… il bello deve ancora arrivare… e noi, JR fans club, siamo pronti per tifare📣🤙 il nostro campione in nuove e avvincenti avventure.

A presto

Claudia Maffi

#JRFansClub #gare

Profilo.png