VALTELLINA WINE TRAIL 42 km ecco come è andata questa pazzia


"Se un uomo parte da certezze, terminerà con i dubbi,

ma se si contenta di cominciare con dubbi, terminerà con certezze."

Francesco Bacone

Eh si quanti dubbi, o forse meglio parlare di curiosità, fattori che per me rappresentano una forte motivazione, il mio motore 💨💨.

Così tra una sgambata in bici, un bilancere e qualche corsetta eccomi allo start di una gara di alto livello di trail running, 42 km, distanza maratona, tra Tirano e Sondrio su sterrati a tratti ripidi in mezzo alle vigne, che hanno portato a 2000 metri di dislivello.

🙈🙈🙈

Bella sfida e tanta curiosità nei confronti di questo mondo completamente diverso, volevo proprio provare quello che provano i runner in una gara di questo tipo ed ecco come è andata.


Pur non essendo molto lontana da casa la location, io e mia moglie abbiamo preferito approfittare dell'ospitalità dell'amico Alessandro Plona, proprietario del bellissimo hotel Serenella all'Aprica, a mezz'ora dalla partenza 😉.

Mattina sveglia presto per fare un'abbondante colazione, la mia solita pregara, tanta avena, noci, una banana e una buona dose di caffè perché mi avevano avvertito che poi in gara sarebbe stato difficile mangiare.

La macchina ghiacciata nel parcheggio non è un buon presagio ma niente paura, si scalderà...

❄❄❄

Scendiamo verso Sondrio dove mi aspetta Mario Poletti, responsabile settore Running di Scott Italia presente con il Track Scott, mi dà il pettorale ed il pacco gara, una bella bottiglia di vino, pizzoccheri, formaggio e tanto altro, dico bene, ho già fatto giornata.


Ci dirigiamo verso la partenza, a Tirano, cominciano ad arrivare i runner e comincio a studiare ogni loro mossa, ogni loro capo di abbigliamento, qualcuno aveva lo zainetto idrico, altri una borraccia attaccata allo spallino, altri non avevano nulla, dico "va bhe dai conterò sui 7 ristori e sull'assistenza di mia moglie, qualche gel in tasca e via".

Come abbigliamento tecnico sono al top, completino Scott e Scott Supertrack RC come scarpe.

🔝🔝🔝


Già le operazioni di ingresso in griglia mi hanno stupito, in quella partenza c'erano solo quelli della 42 km, eravamo circa 650, ma non c'erano griglie di merito come nella MTB, tutti dietro il gonfiabile Scott 5 minuti prima e io pensavo chissà che sgomitate per partire più avanti possibile e invece no, niente di tutto ciò, estremo ordine e rispetto reciproco, in prima fila potevano esserci runner che poi sarebbero arrivati ultimi e viceversa, ma va bene così, bello spirito, mi piace 👍!

Così parto in prima fila soprattutto per la foto di rito, era una gara sponsorizzata Scott e mi sentivo legittimato a partire davanti, una bella foto con Luca Carrara, runner orobico che poi ha vinto la gara ✌ e 5, 4, 3,💩💩💩 2, 1 💩💩💩 partiti. 🙈


Foto con Luca Carrara


Video START

La partenza è piuttosto veloce, ma mi avevano avvertito, penso al mio ritmo e perdo subito almeno 40 posizioni 😓, ma va bene così mi dico, la gara è lunghissima e la scia qua non conta nulla 💪. Mi è piaciuto il rumore delle scarpette di centinaia di runner che toccavano terra, un bel ritmo, una bella danza nel silenzio 🎶🎶🎶.

Dopo 4-5 km comincia la prima salita e già comincio a recuperare posizioni, una dopo l'altra con calma, niente fretta 👌.

Nel frattempo studiavo le espressioni degli altri, cercavo di capire quanto stavano faticando e quello che vedevo mi confortava, molti sembravano in affanno, praticamente a tutta, bene dicevo, continuo con il mio passo 💪.

Al km 9 c'è Claudia, intenta a farmi un video in diretta FB, prendo una bottiglietta d'acqua e via, stavo relativamente bene, mancavano 33 km ma non lo pensavo, pensavo piuttosto 🤔 "ne ho già fatti 9, sono quasi ad un quarto".

Intanto vedevo che recuperavo ancora posizioni e non sapevo se ero io che stavo andando troppo forte o se era il giusto ritmo 🤔.

Comincia però la prima discesa, ripida, su cemento, chi era con me mi svernicia, nell'arco di 500 mt di discesa ne perdo 100 mt, 🙈🙈🙈 "cioè ma come fanno a scendere così, ma questi volano, ma che nervoso" 😓😓😓

Fortuna ricomincia subito la salita ed al km 17 circa sento uno spettatore contare, "12, 13, 14 ...", e mi chiedo "possibile che sono 14esimo? Cioè quello là davanti a me a poco è nono? 🤔🤔🤔 No, non è possibile".

Poco dopo c'è Claudia, che sempre intenta a fare video FB, quasi non la vedo, mi accorgo con la coda dell'occhio e torno indietro 5 metri a prendere la bottiglietta d'acqua, ero già secco.


Video km 18

Poco più avanti Mario Poletti, super esaltato "stai facendo un garone" e li capisco che forse ero davvero nei primi 15, ma gli rispondo "dovrebbero vietare le discese, perdo un casino" 😅😅😅 così mi dà dei consigli "tieni le braccia larghe".

Ecco che comincia una lunga discesa, ancora su cemento, ripida, quelli in parte a me volano ✈✈✈, fanno frullare le gambe, tempo 3 curve e penso "ma come cavolo fà quello là ad essere già là in fondo, che nervoso, era con me 2 minuti fa" 🙄🙄🙄. Era un nervosismo distraente però, una novità, qualcosa da imparare, da migliorare, 😀 mi piace quando vedo margini di miglioramento 👍👍👍, bello, si fa più interessante.

In fondo alla discesa quelli che erano con me in cima erano ormai lontani anni luce, non si vedevano più nemmeno ru tratti ripidi in salita.

Nel frattempo ho passato metà gara e quasi non me ne sono accorto 💪, bene, ancora 10 km e ne mancano altri 10. Prendo una borraccia da Claudia e via.


Intanto recupero ancora, ma le gambe sento che si fanno più pesanti 😨, ecco davanti a me quelli che erano con me prima della discesa. Con estrema soddisfazione li avvicino, li supero, scollino davanti, ma aimè la discesa è vicina, mi risuperano a doppia velocità. Ad uno mentre mi supera gli chiedo "ma come cavolo fate a scendere così?" E lui "come scusa?" 🙈🙈🙈 E allora capisco che è un problema mio più che loro che scendono forti 👎.

Km 28, altro rifornimento, mi ricordo le parole del mio coach Simone, "bevi bevi" e allora mi fermo, 2 bicchierini di sali e via, manca un terzo di gara ancora. Le gambe si fanno sempre più pesanti, però penso che è così anche per gli altri 😏😏😏. sono intorno alla 15esima posizione, ma c'è un'altra discesa, mi si avvicinano da dietro, in 3-4 non so, sento solo il rumore dei loro passi nel passaggio in una cantina in mezzo alle botti di vino 🍷🍷🍷, si perché fortunatamente ricomincia la salita e pur senza strafare li stacco facilmente 😝😝😝.


Supero il km 32, comincio a pensare 🤔🤔🤔"ancora 2 km ai -6 per arrivare ai -2" praticamente facevo finta che l'arrivo fosse al km 40 e poi gli ultimi 2 km in qualche modo si facevano 👏.

Km 34 "ancora 2 km ai -4 per arrivare ai -2", andavo di 2 km in 2 km, ma ogni step di 2km era sempre più lungo, ormai correvo per inerzia, non so neanche io come, ma le gambe non c'erano più 😱😱😱.

Nonostante questo non perdevo e anzi guadagnavo terreno, vedevo gli altri che erano più "alla frutta" di me e questo mi dava ancora un pò di forza 💪.


Video km 36 - discesa

Al km 36.5 "ai -1.5 per arrivare ai -2 che portavano agli ultimi 2" mi arriva una batosta: chiedo al rifornimento "quanti km mancano" e mi rispondono 7. Ma come 7!!!??? Il mio orologio mi ha abbonato un km!? Ero nella 💩💩💩 O mamma, devo rifare i calcoli 🤔. Allora penso "-3 ai -3 poi all'ultimo km ci pensiamo" 👌.


Intanto arriva una salita su fondo duro, non particolarmente ripida, ma davanti qualche centinaia di metri vedo 2 che non riuscivano a farla di corsa, camminavano, allora dai, se riesco a correrla li arrivo, così li ho arrivati e superati, grande "sono alla frutta ma ho recuperato altre 2 posizioni" 💪💪💪. Ora discesa, ma avevo guadagnato un buon margine, non mi vengono più a prendere, no! Giù a tutta, ormai senza più equilibrio, le gambe non mi parlavano più, per sapere se una gamba era davanti all'altra le dovevo guardare, erano come staccate dal corpo, sensazione strana, il dolore stava passando da dolore atletico a dolore fisico 😵😵😵.

Al km 40 ero così alla frutta che ho pensato si sbagliasse quello che mi ha detto "7km" così ho pensato "-1 all'ultimo km" come se fossero 42 🤞. Uno spettatore però mi incita "meglio la bici o a piedi" rispondo "mi manca la mia bici.." e mi dice "dai che sono gli ultimi 3 km". C...O allora finisce a 43 🙈.

Dai dietro di me non vedo nessuno, ma neanche davanti, ero solo, arrivo finalmente in centro a Sondrio, vedo la piazza dall'alto, questo mi dà quel poco di energia.

Nell'ultimo km una lunga scalinata in discesa, facile, si potevano fare 2 gradini alla volta, ma non ci stavo dietro non sapendo dove erano le gambe le dovevo guardare e mi si incrociavano gli occhi 😵, così sono andato di un gradino alla volta.

Finalmente zona transennata, vedo l'arrivo, ce l'ho fatta. ✌

All'arrivo la speaker parlava di me che stavo arrivando, vengo accolto come se avessi vinto 👏👏👏e in un'istante confesso di avere pensato che magari avevano tutti sbagliato strada e che avessi vinto io, ma invece capii subito che si, avevo fatto un'ottima prestazione, degna di nota per un biker campione italiano alla sua prima esperienza in una gara di trail, ma lontano dal vincitore 😅.


Video arrivo

Tanto calore, tante domande, veramente ero più io sotto i riflettori dei vincitori 😎😎😎. Figo fes. Mi dicono che sono arrivato 12esimo, risultatone, in Scott tutti stracontenti, la mia prima gara da runner e non una gara qualsiasi, 42,2 km di trail durissimi con un livello internazionale dei partenti. Qui le classifiche.


Video intervista post arrivo

Foto Galery arrivo

Ok, ora dovevo solo fare 100 metri per arrivare alla macchina e stendermi un pò, sono riuscito a farne 50, poi mi sono seduto in terra e mia moglie me l'ha avvicinata, ero cotto a puntino ☠☠☠. Le gambe facevano male, malissimo.

#CopadaColossale

E come rinfocillarmi in Valtellina? Ovvio, con i pizzoccheri del pasta party, strabuoni 😋 e nel pomeriggio una tappa al centro benessere dell'hotel Serenella all'Aprica era d'obbligo 😊.


Centro benessere hotel Serenella

Ora so che il running può essere molto molto più duro della MTB, ho spostato il limite parecchio, praticamente di 43 km.

Lo consiglio a tutti i biker di provarci almeno una volta nella vita, io ho imparato molto in questa giornata, tante cose che mi possono fruttare anche nel mio mondo... 🤙

qua l'analisi gara su STRAVA


Alla prossima avventura, stay tuned! 😉

e #spostailtuolimite

#Running

Profilo.png